Marketing plan - Come crearlo nel modo giusto - Marco Rampino

Marketing plan – Come crearlo nel modo giusto

4 Giu 2021 - Marketing

Marketing plan – Come crearlo nel modo giusto

Come si crea il marketing plan di un’attività? Che tu sia proprietario di un’azienda o un libero professionista che lavora in qualsiasi ambito, se vuoi farti conoscere online nel modo giusto, devi ragionare in questo senso ed organizzare il tuo piano di marketing. Vediamo insieme come strutturarlo da zero.

Come creare un marketing plan che funzioni

La prima cosa da fare prima di iniziare è pensare bene al prodotto/servizio che vendi. Perché da qui poi deciderai in che modo strutturare il tuo marketing plan.

Definisci il tuo cliente ideale

In base al tuo prodotto dovrai pensare a quello che potrebbe essere il tuo pubblico o mercato di riferimento in modo da definire il tuo cliente ideale. L’errore più comune, a questo punto, è quello di pensare di poter vendere a tutti ma purtroppo (o per fortuna) non funziona così.

Se pensi di voler vendere il tuo prodotto a chiunque, non riuscirai a creare un messaggio o una comunicazione efficace, che funzioni e che realmente ti porti delle vendite. Per farlo dovrai necessariamente stringere il cerchio di persone a cui ti riferisci. Esempio: una palestra dedicata esclusivamente al calisthenics riuscirà a veicolare un messaggio molto più convincente e incisivo (offerta di prova settimanale o prima scheda di allenamento gratuita) rispetto ad una palestra dove sono presenti 10 corsi. Tutti coloro che sono interessati al calisthenics preferiranno la prima.

Comunica in modo efficace

Una volta delineato il tuo cliente tipo, dovrai essere in grado di comunicare efficacemente ciò che proponi. Errore comune anche qui: inviare costantemente le proprie offerte.

Le persone, tuoi potenziali clienti non compreranno mai a occhi chiusi il tuo prodotto o servizio se prima non li “educhi” attraverso i contenuti. Facciamo un esempio pratico.

Sono un avvocato che tratta esclusivamente divorzi. come posso fare ad attirare i miei potenziali clienti? Non basta dire: “Sono un avvocato divorzista e svolgo tutto il tuo iter burocratico ad un prezzo X scontato”. La gente non ti contatterà mai. Come la vedi invece in quest’altro modo: “Sono un avvocato divorzista, con anni di esperienza alle spalle, offro una prima consulenza gratuita senza alcun impegno”. Sono due messaggi completamente diversi. Inoltre, giocando di copy potresti (esagerando) dire: “Sono un avvocato divorzista, vuoi togliere tutto al tuo ex-marito? Contattami per una consulenza gratuita e ti assicuro che lo rovineremo!”; ma ripeto non è il caso di veicolare messaggi del genere è giusto per farti capire.

Attraverso il copy dovrai far percepire, al tuo potenziale cliente, come si sentirà una volta usufruito del tuo prodotto/servizio. Solo in questo modo potrai pensare di mandare un’offerta ed aspettarti una risposta positiva.

Nel mezzo di tutto questo c’è un altro tipo di comunicazione: quella in cui “aiuti” i tuoi potenziali clienti, risolvendo i loro problemi attraverso dei contenuti gratuiti. Chi non ti conosce, inizierà a prenderti in considerazione come professionista del settore in cui operi, oltre a rendersi conto che, come si suol dire, sei davvero del mestiere!

Scegli dove veicolare la tua comunicazione

Deciso in che modo dovrai comunicare al tuo pubblico di riferimento, il prossimo passo è scegliere dove comunicare. Le strade sono due, online e offline. Non sto qui a dire quale sia più proficua nell’80% dei casi (anche più).

Potrai far girare i tuoi contenuti attraverso i social network (principalmente Facebook ed Instagram, ma non sottovalutare tutti gli altri) in base a quello che è il tuo pubblico target. E potrai farlo organicamente e a pagamento tramite le campagne pubblicitarie.

Di solito il consiglio è quello di iniziare in maniera organica, farsi conoscere e successivamente stanziare un budget mensile per spingere a più persone possibili quelli che sono i tuoi contenuti. Pensare oggi di creare un marketing plan senza avere budget pubblicitario è “quasi” una follia.

Fai da consulente

Ottenuti i primi contatti non essere frettoloso, sbattendogli la tua offerta in faccia, poiché anche se ti hanno contattato, non è detto che siano pronti ad acquistare, ma magari hanno bisogno di altre informazioni sul tuo prodotto/servizio. In questa fase fai da consulente e dedicati al problema di chi hai davanti, sarà lui stesso, quando sarà abbastanza pronto, a chiederti il costo del tuo servizio e quando lo farà, stai sicuro che è molto interessato e propenso ad acquistarlo.

Conclusioni

Questa è una mini guida su come creare un marketing plan appropriato e che funzioni. Il tutto ovviamente va accompagnato da analisi di mercato e della presenza online sia del tuo business, sia dei tuoi diretti concorrenti. E tante altre fasi. Ma questo diciamo che è la base per poter provare a partire col tuo business. Sono gli step fondamentali, se salti questi non potrei avere successo in alcun modo.

Tu hai già il tuo marketing plan? Hai pensato a tutto? Stai già proponendo i tuoi contenuti? Parliamone 😉 Se invece hai bisogno sono a tua completa disposizione per aiutarti nel tuo business. Contattami per una consulenza gratuita.

Spero di esserti stato utile, se così è stato ti chiedo di condividere l’articolo sui social affinché possa essere d’aiuto a più persone possibili. Inoltre, se ti fa piacere, seguimi su Instagram e Facebook dove pubblico costantemente gli aggiornamenti del blog e della mia attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *